Paolo Marcelloni Paolo Marcelloni Paolo Marcelloni Paolo Marcelloni Paolo Marcelloni Paolo Marcelloni Paolo Marcelloni Paolo Marcelloni Paolo Marcelloni
     
ELENCO DELLE LEZIONI:
Lezione n°
PDF della lezione
   
Lezione 39

Lezione 38

Lezione 37

Lezione 36

Lezione 35

Lezione 34

Lezione 33

Lezione 32

Lezione 31

Lezione 30

Lezione 29

Lezione 28

Lezione 27

Lezione 26

Lezione 25

Lezione 24

Lezione 23

Lezione 22

Lezione 21

Lezione 20

Lezione 19

Lezione 18

Lezione 17

Lezione 16

Lezione 15

Lezione 14

Lezione 13

Lezione 12

Lezione 11

Lezione 10

Lezione 9

Lezione 8

Lezione 7

Lezione 6

Lezione 5

Lezione 4

Lezione 3

Lezione 2

Lezione 1

 

 

 

Lezione n° 24

 

L'ATTIVITA' GIOVANILE

L'apprendimento delle tecniche di base è tra gli obiettivi primari nel percorso di formazione dall'avviamento, all'attività pre-agonistica e agonistica.
Le modalità di insegnamento e la comunicazione adeguata alle fasce di età risulteranno carte vincenti per velocizzare l’apprendimento.
L'esperienza di anni ha indicato un percorso quasi “infallibile” per creare corrette basi tecniche.
La volontà e la curiosità di intraprendere nuove strade a volte crea più difficoltà e magari anche qualche risultato temporale in meno, però questo modo di lavorare motiva senz'altro il tecnico e dovrebbe di conseguenza portare positivi riscontri su tutti i ragazzi.
Ci sono un paio di strumenti/mezzi di allenamento/insegnamento che sono stati pensati, valutati, realizzati, proposti, testati su un vasto numero di giovani pattinatori di tutti i livelli.
Questa sarà una importante e rilevante strada che percorreremo da quest'anno.

LEZIONE: 8 settembre

OBIETTIVO
PRINCIPALE
Ricercare la percezione del carico sul pattino, con avanzamento del ginocchio e successivi piegamenti e estensioni sull'arto carico
   
OBIETTIVO
SECONDARIO
Individuare e segnalare il giro di pista piana con birilli per memorizzare la traiettoria ideale a velocità alta

Il giro di pista con i segnali per le traiettorie:
15' liberi alla ricerca dei segnali.

Il gioco del pennarello:
1- Eseguire: rincorsa, posizione base, scorrere tenendo il pennarello indietro di mezzo pattino alternando destro e sinistro. 12-14 ripetizioni per gamba.
2- A risoluzione quasi raggiunta eseguire: rincorsa, posizione di pennarello a terra, inserire tre piegamenti-estensioni. 12-14 ripetizioni per gamba.
Controllo del pattino a terra perpendicolare, pattino sulla prima ruota stabile e posizionato a metà del pattino carico.

Il molleggio:
La percezione e il ricordo del “piegamento/estensione” (molleggio), si richiedono sul giro di pista con segnalazioni, richiesta di atterraggio sotto la “chiappetta” e molleggio morbido-soffice prima di dare la spinta in curva e in rettilineo.
Altra indicazione della spinta, pensare alle 4 ruote come un pennello che pittura verso fuori.
Lavorare per 7-10'.

Passa il testimone:
Il primo parte dalla testa del gruppo con il testimone nella mano sinistra, in rettilineo le braccia in movimento normale, in curva il dx in movimento e il sx indica con il testimone il centro della curva (per evitare la rotazione delle spalle). Quando raggiunge il gruppo lo supera in esterno e si passa il testimone al primo che aspetta con il braccio destro esteso fuori, una volta preso il testimone lo passa nella mano sinistra e parte. Chi ha passato il testimone rallenta e si mette in coda rimanendo su traiettoria esterna.
Lavorare per 10-12'.
N.B. i più veloci potrebbero, una volta passato il testimone, continuare a seguire in scia tutti i componenti del gruppo e a seconda della velocità, modificare il numero dei passi e l'intensità delle spinte.


home page || chi sono || studi || articoli || foto e video || news || lezioni || libro || contatti || privacy